"Ragazzo più Veloce di Milano": i Vincitori

"Ragazzo più Veloce di Milano": i Vincitori

Un bel pomeriggio di finali, favorito da una finestra di bel tempo e da qualche raffica di vento alle spalle in occasione delle finali sprint, va a costituire all’Arena di Milano ieri giovedì 30 maggio la chiosa migliore per la 41esima edizione del trofeo “Il Ragazzo e la Ragazza più Veloci di Milano” e per la 28esima “Leva del Mezzofondo”, le manifestazioni scolastiche organizzate dall’Atletica Riccardi Milano 1946 che in questa primavera (nelle due precedenti eliminatorie, tra Assago e la stessa Arena, sono stati ben 1975 i partecipanti in rappresentanza di oltre 60 scuole gli alunni partecipanti).

Si corre forte nelle finali riservate alle terze medie (nati nel 2010) sulla distanza degli 80 metri:  Fabio Giudice (IC Via Linneo), dopo il 9”82 della semifinale, sfreccia davanti a tutti in un eccellente 9”67 e alle sue spalle anche Samuele Lisoni (IC De Marchi) scende sotto i 10”00 con 9”89, per un podio completato da Francesco Sancini (Marcelline Tommaseo) con 10”07; l’IC Via Linneo vince anche la finale femminile con Astrid Ardito, che dopo il 10”96 della batteria si esprime in un ottimo 10”76 per precedere Sophie De Girolami (Gonzaga), dalla corsia due all’argento in 10”98, ed Edith Mauro (IC Riccardo Massa), bronzo in 11”03 in una finale velocissima (11”06 l’anno scorso sarebbe valso il secondo posto: stavolta con questo crono Letizia Servida giunge quinta 2/100 dietro Guendalina De Luca). Nota importante: per Fabio Giudice è il terzo successo consecutivo dopo le vittorie dei 60 metri per le prime medie nel 2022 e per le seconde nel 2023.

Un super tempo arriva anche dai 60m femminili per l’anno di nascita 2011 con la firma di Wilma Panzacchi (IC Ilaria Alpi): dopo l’8”30 della semifinale la giovane velocista domina la finale alle soglie degli 8” netti con il crono di 8”08; Anna Laccisaglia (IC Via Linneo), vincitrice tra le prime medie nel 2023 proprio davanti a Panzacchi, stavolta è argento in 8”51 precedendo Teresa Castiglia (IC De Marchi), scesa fino a 8”55. Otto secondi e 55/100 è anche il tempo di Ludovica Ruberto (Carraro Dalla Chiesa) per vincere il titolo di “ragazza più veloce di Milano” tra le nate nel 2012 sui 60m, precedendo Camilla Ampollini (Leone XIII), autrice di 8”66, che l’aveva invece preceduta (8”74 a 8”81) in semifinale: il bronzo è di Chiara Calvara (Maria Ausiliatrice) in 8”75, anche in questo caso in una finale velocissima sul piano cronometrico. Passando al settore maschile, i 60m dei classe 2011 vedono anche in questo caso un “ribaltone”: Alberto Gattamelata (Scuola Andrea Mandelli) supera Emilio Arata (Convitto Nazionale Longone) che invece aveva vinto nel 2023 nelle prime medie e che aveva ottenuto il miglior crono in semifinale; anche in questo caso si corre forte: un solo tempo sotto gli 8”00 nella finale di un anno fa, ben tre stavolta, con Gattamelata a 7”73, Arata a 7”79 e Matteo Merotta (IC Dante Alighieri) terzo a 7”96. Nei 60m maschili dell’anno 2012 “esplode” Christian Maniglia (IC Vittorio Locchi): 8”67 in semifinale e 8”41 in finale per vincere il titolo su Alessandro Lupica (IC Rodari, 8”51) e Diego Tartaglione (Benedetti Michelangeli, 8”53).

Non è solo Giudice a fare tris in tre anni alle scuole medie: ci riesce pure Maddalena Ravà (IC Sabin) nella “Leva del Mezzofondo”. Ravà, dopo i 600m nel 2022 e nel 2023, domina i 1000m destinati alle nate nel 2010: la sua azione solitaria si chiude vittoriosamente in 3’10”66 davanti ad Alice Papetti (IC Leonardo da Vinci) seconda in 3’21”80 e Matilde Pascalizi (Gonzaga) terza in 3’24”94. Il 1000m destinato ai pari età maschili vive un epilogo palpitante: è volatissima tra Stefano Scaietti (Scuola Andrea Mandelli), campione in 2’57”41, e Bruno Gheza (IC Rodari), secondo in 2’57”91, con Filippo Caniato (IC Via della Commenda) al bronzo in 3’01”62. Sui 600 metri arriva il bis di Caterina Alamia (La Zolla), prima in prima media nel 2023 e prima pure in seconda media nella finale riservata alle nate nel 2011 nella “Leva” 2024: la sua fuga solitaria si concretizza in un trionfo in 1’48”83 per precedere Virginia Morrone (Maria Ausiliatrice, 1’52”54) e Maria Bellaviti (IC Via Loria, 1’52”57). Un entusiasmante testa a testa nei 600m maschili 2011: lo risolve Gregory Colombo (IC Via Loria) in un notevole 1’38”00 per battere il vincitore 2023 Tommaso Coraini (Gonzaga), argento in 1’42”35, con Federico Frigo (IC Cavalcanti) bronzo con 1’44”78. Epiloghi differenti nei 600m riservati ai classe 2012: sempre al comando, Camilla Marta (La Zolla) vince la finale femminile in 1’53”37 davanti a Beatrice Pascalizi (Gonzaga, 1’56”11) e Chiara Luce Ruscigno (ICS Rita Levi Montalcini, 1’57”94); in campo maschile è volata mozzafiato con i primi quattro racchiusi in 1”28 e il titolo vinto da Jacopo Ricca (ICS Rita Levi Montalcini) in 1’47”72 sul compagno di scuola Andrea Rotondi (1’48”08) e su Marco Vallini (Salesiani Sant’Ambrogio, 1’48”14).

TUTTI I RISULTATIhttps://www.atleticariccardi.it/RPV/20240530/Index.htm

CLASSIFICHE A SQUADRE – Nelle premiazioni, con cerimonieri d’eccezione come il vicepresidente nazionale del CONI Claudia Giordani, il presidente FIDAL Lombardia Gianni Mauri, il vicepresidente del CONI Lombardia Claudio Pedrazzini, la consigliera di Parità effettiva del Comune di Milano Barbara Peres, il vicepresidente FIDAL Milano Tito Gilberti, l’assessore allo Sport del Comune di Assago Marco La Rosa (ex sprinter dell’Atletica Riccardi), le ex velociste azzurre Manuela Grillo ed Elena Sordelli e ovviamente il presidente dell’Atletica Riccardi Milano 1946 Sergio Tammaro, sono assegnati anche i trofei alle scuole che raccolgono più punti nei due trofei. L’IC Sabin si conferma campione nel trofeo “Il Ragazzo e la Ragazza più Veloci di Milano”: 241 punti per precedere l’IC Via Linneo (131) e La Zolla (111). La “Leva del Mezzofondo” celebra invece l’approdo al titolo dell’ICS Rita Levi Montalcini, che precede “in volata” (215 punti a 197) l’IC Sabin campione in carica e stavolta secondo; terza posizione per il Gonzaga (110 punti).

LA FORMULA - Il trofeo “il Ragazzo e la Ragazza più Veloci di Milano” e la “Leva del Mezzofondo” si sono sviluppati attraverso due eliminatorie, il 15 aprile ad Assago e il 20 maggio all’Arena di Milano Alle semifinali del trofeo “il Ragazzo e la Ragazza più Veloci di Milano” sono approdati i migliori otto e le migliori otto classificati/e per ogni anno di nascita di ognuna delle due eliminatorie più gli autori/le autrici dei migliori 16 tempi complessivi che non si siano già qualificati direttamente; per le finali della “Leva del Mezzofondo” la qualificazione è stata appannaggio dei migliori tre e delle migliori tre classificati/e per ogni anno di nascita di ognuna delle due eliminatorie più gli autori/le autrici dei migliori sei tempi complessivi non già qualificati direttamente.

Le distanze previste sono 60 metri (classi prime e seconde) e 80 metri (classi terze) per il trofeo “il Ragazzo e la Ragazza più Veloci di Milano” e 600 metri (classi prime e seconde) e 1000 metri (classi terze) per la “Leva del Mezzofondo”. 

(da comunicato Atletica Riccardi Milano 1946)

Foto di Laura Massarenti: l'arrivo vittorioso di Wilma Panzacchi nei 60m femminili classe 2011.

Montagna: Domenica ad Arzo i Regionali Assoluti

Montagna: Domenica ad Arzo i Regionali Assoluti

Percorso perfettamente segnato (7,6 km con un dislivello di 450 metri), meteo si spera clemente e 150 atleti iscritti: queste le premesse per il nono Trofeo Fattoria Didattica Sempreverde-quarto Memorial Mario Gianola, prova nazionale Bronze di corsa in montagna che il GS CSI Morbegno organizzerà nella frazione di Arzo (Sondrio) domenica 2 giugno.  Quest’anno la gara sarà Campionato Regionale Assoluto, Juniores e Promesse di corsa in montagna: partenza unica, uomini e donne insieme, alle ore 9.30 dalla Chiesa della frazione orobica e arrivo alla Fattoria Didattica Sempreverde, main sponsor della manifestazione. A seguire, alle 11.00, come di consueto, la camminata non competitiva di 5 km “Tri saltei al Fai” aperta a tutti, inserita tra le manifestazioni della Giornata Nazionale dello Sport del CONI.

“Il percorso, che è lo stesso degli ultimi due anni, è molto bello e vario – spiega il presidente del GS CSI Morbegno Giovanni Ruffoni – dopo il via si affronta un chilometro e mezzo di salita corribile su strada in parte sterrata in parte asfaltata, poi 6 chilometri di saliscendi su sentieri e single track nei boschi, tutto molto corribile e con pochi tratti tecnici”.

“Il centro nevralgico dell’evento è la Fattoria Didattica Sempreverde dove sarà posto l’arrivo e si svolgeranno le premiazioni – conclude Ruffoni – ci sarà la possibilità di degustare i piatti tipici valtellinesi (prenotando al numero 347/9255649), vedere i tanti animali della fattoria e trascorrere il pomeriggio godendosi la magnifica vista sulla bassa valle e il lago di Como”. Come da tradizione del GS CSI Morbegno, premio partecipazione per tutti e ricchi cesti di prodotti locali per i podi di categoria, oltre al buono valore per i primi 10 uomini e le prime 10 donne. Alla prima società classificata andrà il 9° Trofeo Fattoria Didattica Sempreverde-4° Memorial Mario Gianola. I record da battere sono quelli siglati dai vincitori dello scorso anno: al livello maschile il 34’12” del lariano Fabio Ruga e a livello femminile il 43’13” della valchiavennasca Sveva Della Pedrina.

Dall’elenco iscritti balzano subito favoriti d’obbligo il capitano del Gs CSI Morbegno Marco Leoni, terzo nel 2023 e secondo nel 2022, con il compagno di club Diego Rossi e il giovane morbegnese Francesco Bongio (La Recastello Radici Group) che dopo la vittoria al Trofeo Fanoni e il debutto “tra i grandi” al Campionato Italiano di Lanzada potrebbe dire la sua su sentieri che ben conosce, ma soprattutto ambire al titolo regionale Promesse e Assoluti. Possibili outsider l’ardennese Francesco Della Torre (La Recastello Radici Group) e i portacolori del GP Talamona Fabio Sassella e Remo Sciani, oltre ai giovani del Team Valtellina Davide Della Mina e Luca Polidori.

Negli Juniores si preannuncia sfida, a livello femminile, tra Elisa Rebucini (Atl. Valle Brembana) e il bronzo italiano 2023 e quarta lo scorso anno ad Arzo Elisa Peverelli (AG Media Sport), mentre a livello maschile da seguire Mathias Mora (US Malonno), Matteo Civati (Atl. Triangolo Lariano), Michele Combi (CS Cortenova), Davide Gonzales (Pol. Team Brianza Lissone) e Giacomo Ciaponi (GP Talamona). A livello femminile Assoluto occhi puntati sulla talamonese Cinzia Cucchi (Atl. Paratico), in evidenza a inizio stagione tra cross e corse su strada, e sulle gemelle Gandin (Eleonora e Isabella) della Polisportiva Pagnona.

ALBO D’ORO

2015: Alice Gaggi (Runner Team 99 SBV\28’44”) e Marco Leoni (GS CSI Morbegno\44’39”)

2016: Elisa Sortini (GP Talamona\32’03”) e Francesco Della Torre (La Recastello Radici Group\44’28”)

2017: Roberta Ciappini (GS CSI Morbegno\28’07”) e Marco Leoni (GS CSI Morbegno\42’52”)

2018: non disputata

2019: Katia Nana (Pol. Albosaggia\29’53”) e Francesco Leoni (Pol. Albosaggia\43’37”)

2020: non disputata per Covid

2021: Cristina Molteni (GP Valchiavenna\29’06”) Marco Leoni (GS CSI Morbegno\43’47”)

2022: Nives Carobbio (Atl. Paratico\44’10”) e Diego Rossi (GS CSI Morbegno\35’13”)

2023: Sveva Della Pedrina (GP Valchiavenna\43’13”) e Fabio Ruga (La Recastello Radici Group\34’12”)

PROGRAMMA DOMENICA 2 GIUGNO 2024 – MORBEGNO (SO) FRAZIONE ARZO

8.30 Ritrovo per gara FIDAL-CSI

9.30 Partenza gara FIDAL-CSI maschile di 7,6 km

10.00 Ritrovo per camminata non competitiva

11.00 Partenza camminata non competitiva di 5 km libera a tutti

12.00 Premiazioni gara FIDAL-CSI e camminata

Tutte le informazioni sul sito www.gscsimorbegno.org

Cristina Speziale/FIDAL Sondrio

Foto di Angelo Testa