Cross. Pastorelli Ok a Cernusco Lombardone

Cross. Pastorelli Ok a Cernusco Lombardone

Nella domenica sui prati in Lombardia va a segno Elisa Pastorelli (Atl. Lecco Colombo Costruzioni). L’azzurrina della corsa in montagna, campionessa del mondo Under 20 a squadre nel 2019 oggi 21enne, vince a Cernusco Lombardone (Lecco) la quinta e ultima tappa del Trofeo Lanfritto Maggioni. Nella prova assoluta femminile allestita dalla Libertas Cernuschese Pastorelli si impone nella gara Assoluta in 10:32 precedendo di 13” la veterana comasca Ivana Iozzia (Calcestruzzi Corradini Excelsior) e di 17”  Martina Bilora (Gruppo Escursionisti Falchi Olginatesi); quarta e prima junior Ilaria Menatti (Bracco).   Nella gara Assoluta maschile successo di Massimiliano De Bernardi (Atl. Pidaggia 1528) su Stefano Roncareggi (Atl. Lecco Colombo Costruzioni) e Maurizio Vanotti (Canto di Corsa). Nelle gare Cadetti/e vittorie di Tommaso Farina (US San Maurizio) su Mattia Guidi (100 Torri&Vigevano Atl. Young) e Oscar Pomoni (Premana) e di Ilaria Artusi (CS Cortenova) sulla compagna di club Denise Mascheri e su Noemi Terzaghi (AG Comense).  RISULTATI INDIVIDUALI

Nella classifica finale del Trofeo Lanfritto Maggioni trionfa l’Unione Sportiva San Maurizio con 3380 punti su Lieto Colle ASD seconda (2560 punti) e AS Premana (2237) terza; completano la top six CS Cortenova, Atletica Lecco Colombo Costruzioni e Atletica 87 Oggiono. CLASSIFICA A SQUADRE

Ce. Ri.

Cross Tremenda: Urrà Steffanoni e Rovedatti

Cross Tremenda: Urrà Steffanoni e Rovedatti

Gran finale del Campionato Provinciale di Società di corsa campestre domenica 27 novembre a Samolaco (Sondrio) con il 19esimo Cross Tremenda XXL organizzato dal GP Valchiavenna. Nei pressi del Centro giovanile, sotto lo sguardo bonario di Don Gigi Pini, 300 podisti si sono dati battaglia su un percorso pianeggiante e tutto da spingere.

Oltre 110 i mini-atleti delle categorie Esordienti 5, Esordienti 8 ed Esordienti 10, per loro niente classifica ma tanto entusiasmo, voglia di correre e divertirsi. Anche se la corsa campestre è fatica, per loro, grazie ai consigli degli allenatori, agli applausi dei genitori e all’amicizia con i compagni di squadra e i pari età delle altre società, si trasforma in gioco e nella possibilità di praticare uno sport sano, all’aria aperta, in un ambiente che non esaspera l’agonismo.

Nelle Ragazze non sbaglia Matilde Paggi (GP Valchiavenna) e conquista il titolo di campionessa provinciale davanti alla compagna di squadra Caterina Vavassori e Francesca Sassella (GS Valgerola). Anche nei Ragazzi fa festa la società organizzatrice che applaude la vittoria e il titolo di Alex Vavassori che sale sul podio con Edoardo Corradini (Pol. Albosaggia) e Giacomo Pozzi (Atl. Alta Valtellina). E pure nelle Cadette è la società di Alessandro Paggi a farla da padrona, grazie a Noemi Gini, anche per lei tripletta Samolaco-Sondalo-Dazio e titolo individuale, mentre chiude al secondo posto la campionessa regionale di corsa in montagna Tabatha Spini (GP Talamona) e al terzo Elisa Tarca (GP Santi). Nella gara Cadetti, 2,5 km per loro, il campione regionale di corsa in montagna Filippo Bertazzini (Pol. Albosaggia) vince il titolo staccando Francesco Spinetti (GP Talamona) e Gabriele Sutti (GS Valgerola).

Gara unica di 3 km per gli Allievi con Allieve, Juniores, Promesse, Seniores e Master femminili. Partono subito a tutta gli allievi, con la sola Elisa Rovedatti (GS CSI Morbegno) che si fa “tirare” nella prima parte di gara. Tra gli Allievi arrivo spalla a spalla tra Daniele Ciaponi (GP Talamona) e Lorenzo Tomera (GP Valchiavenna), con quest’ultimo che conquista una meritata vittoria grazie al micidiale sprint finale. Gradino più basso del podio per Davide Mazzucchi (AS Lanzada). Prima donna al traguardo la stella del GS CSI Morbegno Elisa Rovedatti (categoria allieve) che lascia a 34” l’atleta di casa Sveva Della Pedrina (GP Valchiavenna/Juniores), mentre terza è la master 40 Moira Civiello (Pro-Sport Running Academy). A completare la top five in rosa Ramona Ipra (GP Talamona/Master 35) e Giorgia Fascendini (GP Santi/Promesse). Gran finale con la gara maschile di 6 km. Partono a tutta i gemelli Steffanoni della Polisportiva Albosaggia, ai quali di aggancia il master Massimiliano De Bernardi (Atletica Pidaggia 1528). Al termine del primo dei quattro giri previsti restano Giovanni Steffanoni e De Bernardi a condurre la gara. Saverio Stefannoni perderà terreno, venendo agganciato a metà gara da Andrea Zoanni (GP Valchiavenna). A metà dell’ultimo giro Giovanni Steffanoni riesce a scrollarsi di dosso il coriaceo De Bernardi e si presenta solitario al traguardo fermando il cronometro dopo 18:34 con un vantaggio di 7 secondi. Zoanni è ottimo terzo in 18:59, mentre a completare la top five ci pensano due master che restano sempre competitivi nonostante il passare degli anni: quarto è il capitano del GP Santi Graziano Zugnoni e quinto Stefano Sansi (GS CSI Morbegno). NELLA FOTO la top 3 Assoluta maschile.

Il Trofeo Tremenda XXL va al GS CSI Morbegno, che già ha primeggiato al Colmen Cross e al Cross de Pradela, mentre per i CdS della FIDAL Sondrio, al termine delle 5 prove (Morbegno, Colorina, Dazio, Sondalo, Samolaco), il GP Valchiavenna vince nel giovanile femminile e nell’assoluto femminile, il GS CSI Morbegno nel giovanile maschile e nei Master maschili, il GS Valgerola nel Master femminile e nell’Assoluto maschile.

Cristina Speziale/FIDAL Sondrio

Ganten nel Cuore di Milano: Bellò (e non Solo)

Ganten nel Cuore di Milano: Bellò (e non Solo)

L’atletica torna nel cuore di Milano domenica 27 novembre. Con l’organizzazione di Laguna Running è infatti in programma la Ganten Milano 21 Half Marathon, la corsa che va alla riscoperta dei luoghi simbolo della città, dal Castello Sforzesco al Duomo, dalla Darsena a Monte Napoleone. La gara prevede tre formule: 21 km (agonistica e non competitiva), 10 km (agonistica e non competitiva) e la Staffetta Relay 3x7km. La partenza è prevista alle ore 9.00 in via Arona con le gare competitive, a seguire la partenza delle gare non competitive (premiazioni alle ore 12:00).

Sui 21,097 km sarà al via Sara Galimberti, la trentenne fondista brianzola della Bracco Atletica: in carriera vanta 1h13:42 nel 2015, di recente (dopo essere diventata mamma di Vittoria), è scesa 32:59 sui 10 km. Nella prova maschile un atleta proveniente dal mezzofondo veloce come Stefano Massimi (CUS Camerino), un PB da 1h04:31. Nella 10 km presenza da circoletto rosso: ci sarà infatti la vicentina di stanza in Brianza Elena Bellò (Fiamme Azzurre, FOTO Colombo/FIDAL in alto), quest’anno scesa sotto i due minuti negli 800 (due volte 1:58.97), alla caccia del PB dopo il 34:10 dello scorso anno.

Ce. Ri.

Survivor Series Cross di Lusso con Arese e Majori

Survivor Series Cross di Lusso con Arese e Majori

Domenica 27 novembre a Busto Arsizio (Varese), nei campi presso il centro sportivo Angelo Borri, tornerà il “cross più veloce di sempre”, come legittimamente recita lo stesso claim delle Survivor Series di corsa campestre ideate e organizzate da Stefano Longo, giovane dirigente lombardo dalle ampie vedute che ha saputo trasferire sui prati le peculiarità di altre discipline sportive, a partire dallo sci di fondo.

Le Survivor Series, giunte alla quarta edizione con la Pro Patria ARC Busto Arsizio come società organizzatrice, replicano infatti con successo (soprattutto tra i mezzofondisti della pista) lo schema delle prove sprint degli sci stretti: una fase di qualificazione contro il tempo e poi tre turni a eliminazione diretta (quarti di finale, semifinali e una finale a otto concorrenti, tutto sul medesimo tracciato da 1200 metri. Un test davvero interessante per la preparazione di un miler e proprio per questa ragione la competizione avrà al via della gara maschile Pietro Arese (Fiamme Gialle): il 23enne piemontese di stanza (per studi universitari, al College del Mezzofondo, ma anche per allenarsi con la guida di Silvano Danzi) nel 2022 è stato quarto agli Europei di Monaco (Germania) scendendo a uno straordinario 3:35.00, crono che nessun italiano nel XXI secolo aveva mai corso. Tra gli avversari avrà il bicampione italiano Assoluto dei 3000m siepi (2018 e 2022) Leonardo Feletto (Atl. Mogliano), il pluricampione italiano giovanile del mezzofondo veloce Andrea Sambruna (Cento Torri Pavia) e lo junior classe 2004 Yordi Santiago Garavaglia (Pro Patria ARC Busto Arsizio), atleta eclettico che vanta a livello tricolore un argento nei 400m piani Allievi (2021) e un bronzo nei 1200m siepi Cadetti (2019).

Non da meno sarà la prova femminile, vinta più volte in passato da Serena Troiani: il nome di spicco è Micol Majori (Pro Sesto), campionessa italiana Assoluta in carica sui 5000m e scesa quest’anno a 4:13.80 sui 1500m ma anche, nel 2021, azzurra sui 3000m nell’Europeo per nazioni e vicecampionessa italiana nel cross corto. Sfidante sarà certamente la prima vincitrice delle Survivor Series nel 2018, Roberta Vignati (FreeZone), ma da seguire con attenzione sarà pure Nicole Coppa (Bracco), approdata alla Nazionale Under 20 (a Oderzo, nella corsa su strada) e habitué (già due volte seconda) delle Survivor Series, dove proverà a far valere le sue qualità di “diesel”.

Nel programma della giornata in calendario anche gare destinate ai Master maschili e femminili (4,6 km), ai Cadetti/e (2,2 km) e ai Ragazzi/e (1000m), in questo caso con format tradizionale.  Sempre come da tradizione Africathletics sarà partner della manifestazione raccogliendo materiale sportivo (scarpe, ma non solo) che non viene più utilizzato da destinare al proprio progetto di coesione culturale, educativa e sportiva in Malawi.

Cesare Rizzi

FOTO Colombo/FIDAL in alto: Pietro Arese. FOTO Grana/FIDAL qui sotto: Micol Majori. 

Micol Majori Campi Bisenzio 2021